STORIA DEL CINEMA CENTRALE

cinemacentraletestata

CINEMA 2Il Centrale, è uno dei più vecchi cinema di Milano, ed il più vecchio ancora in attività.   La sua nascita risale ai primi anni del 1900, al 1907 per la precisione all’insegna di “Cinematografo Mondial”, ed è da considerarsi forse il primo multisala d'Italia, con 2 piccole sale che ora, contano rispettivamente 120 e 90 posti.

Il Mondial, trova così la sua collocazione nella bramantesca casa de’ Grifi, edificata nel 1480 dall’allora archiatra ducale Ambrogio Grifi, e una delle due sale è a volta, l’antica sala d’onore che presenta capitelli con l’effige del grifone, stemma della casata Grifi, ed ha un meraviglioso rosone, incidente sulla probabile cappella di famiglia, che affaccia sul cortile.   Il nome Mondial nel 1942, venne variato in “Centrale”, nome che mantiene tutt’ora.

I prezzi iniziali erano di 20 cent. di Lire per i primi posti e di 10 cent. per i secondi posti, "militari non graduati e bambini la metà", e le rappresentazioni avvenivano dalle 14 alle 23 con brevi filmati.

 

 CINEMA 1

Il Cinema Centrale nel 1962, dopo il cambio da Cinema Mondial avvenuto nel 1942.

Negli anni ‘50 apriva alle ore 10 di mattina, ed è difficile trovare a Milano chi non si ricordi di aver   frequentato questo cinema, magari approfittando dell’apertura strategica, "bigiando" così la scuola, o chi infreddolito voleva passare qualche ora al caldo; dagli anni ‘50 il Centrale era diventato un cinema popolare, l'ingresso era continuato dalle ore 10 del mattino, e in quegli anni venivano proposti due film a sole 150 lire (nel senso che in una sala si vedevano due film in successione).   Lo spettatore, come era abitudine in Italia, poteva entrare in sala in qualsiasi momento, ed il film si poteva vedere dall’inizio, o già iniziato, e si poteva rivedere anche per tutta la giornata

Chi ha superato i 50 anni si ricorderà che sino al luglio 1976, il Centrale apriva alle 10 di mattina, ed è stato l'ultimo dei 6 cinema (Astra, Cantù, Centrale, Marconi, Meravigli e Rubino) che a Milano proponevano questo orario speciale, a mantenere aperto, con ostinazione, per il pubblico della mattina.

Negli anni '70 il cinema, e lo spettacolo in generale entrò in crisi, e molte sale dovettero chiudere. Il Centrale decise di passare alla programmazione d'éssai, mantenendo però il solo orario pomeridiano.   Fu un grande successo, ed il cinema di qualità o d’éssai diede nuova vitalità al Centrale.   Ma i tempi cambiano, e nel '98, si volle riproporre nelle 2 sale lo spettacolo del mattino, sempre con film di qualità.   Il messaggio per la mattina ha voluto indirizzarsi a quel pubblico che si reca in centro per lo shopping, e vuole regalarsi un paio d'ore di relax, in un ambiente accogliente, per vedere un buon film di qualità e di recente programmazione, ma l'esperimento non ha ottenuto quel riscontro di pubblico che ci si aspettava. La programmazione è continuata così con film di qualità, che sono molto apprezzati, anche per l’intimità che queste due piccole sale riescono a trasmettere allo spettatore.   Il Centrale ospita spesso le scuole per la particolare tipologia dei film presentati.   Per queste ultime, è possibile nell'attigua nuovissima sala conferenze di Agorà in via Valpetrosa, 3 (la vecchia seconda sala con l'immagine del film speculare), proporre la discussione del film con i professori, previo accordo con la direzione.   Ma le esigenze del pubblico cambiano, e l’esercente deve offrire quel comfort, e quelle tecnologie richieste.   Dal 2000, con il cambio totale delle 4 macchine di proiezione e la trasformazione del sonoro in stereo Dolby® e del Surround®, ci si è nuovamente fatti prendere la mano per migliorare il comfort, abbiamo cambiato radicalmente la zona servizi, con accesso anche per disabili, abbiamo ulteriormente diminuito i posti per ospitare poltrone sufficientemente confortevoli, abbiamo inserito controlli video di sicurezza per le uscite, la sala e le cabine, abbiamo attivato la biglietteria informatizzata, ed abbiamo attivato un web site: www.multisalacentrale.it, abbiamo cambiato la disposizione dell’ingresso e rinnovato la facciata, ora tutto è cambiato, ma abbiamo voluto mantenere lo storico nome Centrale, mantenendo costante il messaggio per il pubblico dei film di qualità ma con una legittima ambizione: la prima visione.

Dal 01/09/2001 completamente rinnovato negli arredi e nelle strutture tecniche, e con ulteriori migliorie tecnologiche dal 01/09/2005, nella cornice dello splendido palazzo cinquecentesco Grifi, grazie all’accordo con la distribuzione, entra in circuito di prima visione mantenendo film di qualità, che talvolta si propongono in contemporanea con altri locali di Milano, od in lingua originale con sottotitoli in italiano.   Nel 2014, per adeguarsi alla trasformazione del film non più su pellicola, ci si è attrezzati con proiettori di ultima generazione Sony 4K.

Il Cinema Centrale ha ottenuto i seguenti riconoscimenti nazionali ed internazionali:

  • Qualifica di sala d’Essai
  • Membro della Federazione Italiana Cinema d’Essai (FICE)
  • Qualifica di schermi di Qualità
  • Membro di Europa Cinemas (International Network of Cinemas for the Circulation of European Films)
  • Riconoscimento dal Comune di Milano quale Bottega Storica

 

 CINEMA 3  CINEMA 17  CINEMA 14
 CINEMA 20

 

 CINEMA 13

 CINEMA 10

CINEMA 19

 

 

 

CINEMA 18 CINEMA 7
 CINEMA 8

 CINEMA 9

 

 CINEMA 6
 

 

 

CINEMA 21

 

In progetto per la sala 2